“The isle of the cursed prophet” per C64

Ciao a tutti amici di commodoreblog.com, oggi diamo un’occhiata a “The isle of the cursed prophet”, un gioco nuovo di zecca per il sempre vivo commodore 64.

The isle of the cursed prophet, un tuffo indietro nel tempo

Inutile girarci intorno, la programmazione di nuovi titoli per il biscottone è sempre più attuale e mai come adesso il piccolo grande 8 bit viene spremuto e utilizzato al pieno delle sue potenzialità. Fa quasi venire i brividi al sottoscritto tutto questo, ritrovarmi a distanza di oltre 30 anni a parlare di qualcosa di nuovo per il C64.

Ricordi di un ragazzino

Nei miei anni ottanta, anni ad otto bit, questo periodo era il più bello dell’anno, era qualcosa di magico. Le scuole erano finite e si respirava un’atmosfera elettrica. Ci si svegliava presto per sentire, rigorosamente col telefono  rotella, gli amici di computer e darci un appuntamento. Tutti con Zzapp! al seguito, chi sottobraccio, chi nello zainetto Invicta, quelli piccoli a righe. E si sognava sulle foto dei nuovi giochi usciti, si facevano collette mostruose per riuscire ad acquistare almeno una copia di un gioco.

Il team ICON 64 colpisce ancora

Erano anni che ancora oggi lasciano addosso quell’odore di unico, quel sapore che non si potrà mai dimenticare. Mai avrei pensato di trovarmi davanti a qualcosa per il biscottone che non fosse il classico vecchio gioco a cui si vuole bene ma sta succedendo esattamente questo. E l’effetto Delorean è inevitabile: stessa aria frizzante, stesso cielo estivo, stessa emozione.

The isle of the cursed prophet, il gioco

Il team ICON 64 stavolta ci delizia il palato con un giocone nel vero senso della parola: i ragazzi in questione non sono nuovi nella scena, anzi sono tra i maggiori fautori di questa rinascita della scena ludica per il Commodore 64. Si tratta di The isle of the cursed prophet, una poderosa avventura densa di misteri e di colpi di scena.
Nella storia vestiamo i panni di Oliver Taylor, un uomo sconvolto dalla morte della moglie a tal punto da volerla riportare indietro dall’aldilà. Oliver si mette perciò a studiare documenti antichi, tra i quali il Libro dei Morti: il Necronomicon, scritto su pelle umana col sangue di mille morti.

L’isola dei profeti

Il libro fa riferimento a un luogo spirituale, l’Isola dei Profeti, in cui questo incantesimo funziona una notte dell’anno. Ecco, nel gioco lo svolgimento dell’avventura avviene in quella notte.
2020-06-16-11.40.07-1024x572
La scena che introduce il gioco mi ha lasciato letteralmente a bocca aperta, una scena che in epoche passate sarebbe da sola valsa una medaglia d’oro al gioco. In questa strabiliante introduzione vediamo Oliver che guida di notte verso le banchine del porto. Lo sfondo nero la fa da padrone, le animazioni letteralmente cinematografiche sono tutte in contrasto con uno sfondo violaceo, misterioso e crepuscolare. La qualità della grafica e della musica è molto elevata e crea un’atmosfera misteriosa che ben si addice al gioco. La parte audio è curata da una nostra conoscenza, il grande Saul Cross, artefice della programmazione dei sid anche nei giochi del nostrano Tony Savon Team.

The isle of the cursed prophet, visuale e struttura

2020-06-16-11.41.35-1024x657
Finita l’introduzione la visuale passa ad una visuale dall’alto in puro stile primi Zelda. La struttura di gioco prevede un’enorme mappa da esplorare, nella quale si devono cercare e trovare determinati oggetti per poter proseguire. Il dettaglio grafico è davvero notevole e la fluidità dei movimenti anche. La primissima cosa da fare per proseguire in maniera più liscia è entrare nel piccolo baracco appena sbarcati sull’isola e prendere un’arma, in questo caso un coltello. In basso a sinistra nello schermo vedremo dei cuoricini in puro stile popeye: essi rappresentano la nostra energia. Uccidendo i nemici si raccolgono punti e ogni 500 l’indicatore energetico salirà. Sempre nella parte bassa dello schermo troveremo appunto il punteggio e delle icone che ci dicono che cosa stiamo utilizzando, ad esempio l’arma, e gli oggetti recuperati.

Esplorazione è la parola d’ordine

Come in ogni avventura che si rispetti bisogna esplorare ogni centimetro dell’isola e interagire con tutto ciò che si trova. Abbiamo a che fare con un gran numero di case ed edifici, alcuni dei quali sono chiusi a chiave. Bisogna perciò trovare in giro la chiave giusta per poter proseguire. Durante la ricerca ci si imbatte in tombini nel suolo, tombe e cancelli. Questi accessi richiedono elementi specifici con cui interagire, come un piede di porco per tombini, una pala per le tombe e un martello per i cancelli.

2020-06-16-11.43.19-1024x690

Non dare nulla per scontato

Quasi sicuramente capiterà di trovarsi piantati senza sapere come proseguire: questo perchè alcuni oggetti sono nascosti nelle zone dove l’erba è alta. Non vi voglio dire cosa fare, ma vi consiglio di cercare un oggetto per poter tagliare l’erba in giro per la location. Per portare a termine la sua missione Oliver dovrà trovare 32 pietre di giada e 4 pietre elementali. Queste ultime richiedono qualcosa di particolare per essere raccolte. Una volta presi tutti gli elementi necessari è necessario decifrare gli indizi criptici per capire dove bisogna recarsi per posizionare le nostre pietre.

The isle of the cursed prophet, comandi e giocabilità

I controlli del gioco sono a dir poco splendidi, intuitivi e precisi. Il pulsante di fuoco funge da  azione ma lo fa in maniera molto semplice: L’oggetto utilizzato viene determinato automaticamente in base alle cose con cui si interagisce e agli oggetti che hai preso. Perciò non dobbiamo perdere ore a scorrere gli oggetti dell’inventario cercando quello giusto: se lo possediamo verrà utilizzato in automatico. La giocabilità è perfetta: l’atmosfera misteriosa ci immerge a tal punto che non ci accorgiamo del tempo che passa. Visitare porzioni di isola bloccate non è stressante perchè una volta trovato l’oggetto giusto sapremo già dove andare per poterlo utilizzare, esattamente come capiterebbe in una situazione reale. Non è un’avventura semplice ma la sua struttura e i comandi amichevoli la rendono scorrevole e per niente frustrante.

Come acquistare il gioco

ua9wbr

Il gioco è disponibile per l’acquisto in download ad una cifra irrisoria di 6.99 dollari americani iva esclusa. Questo file da circa 15 Mb contiene la versione D64, la versione TAP e anche quella PRG. Ma la vera chicca a mio avviso è rappresentato dalla futura edizione fisica del gioco, con la sua scatola di cartone realizzata ad arte come quelle che ci facevano sognare nei lontani anni 80. Questa lussuosa confezione da collezione è ora pre-ordinabile con il 10% di sconto. Cliccate  QUESTO LINK per andare nella sezione di informazioni e acquisto.
Bene cari amici lettori, Mic the Biker vi saluta e vi da appuntamento a preso. Ora vi consiglio qualche lettura dal nostro blog.

Michele Novarina

Michele Novarina

Mic, tre lettere come negli highscore di una volta. Appassionato di videogames dagli albori degli anni 80.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: