CREATURES (C64)

 265 total views,  5 views today

Salve Gente, rieccoci a parlare di capolavori 8 bit per il nostro amato Commodore 64 con Creatures. Si tratta di un gioco di piattaforme che suscitò molto interesse nel mondo della stampa di settore e di tutti gli appassionati.  Allacciate le cinture, prendete da bere e immergiamoci in questo viaggio nel tempo alla scoperta di Creatures.

Creature - Title Screen

Title Screen

Creatures, un po’ di storia

Creatures è un gioco di piattaforme sviluppato, nel 1990, dai fratelli John Rowlands e Steve Rowlands che, col nome il nome di Apex Computer Productions, azienda da loro creata, si occuparono, rispettivamente, del codice (John) e del comparto grafico e musicale (Steve). La pubblicazione fu, invece, affidata all’azienda THALAMUS (La casa editrice della famosissima rivista Zzap/c64). Proprio la rivista Zzap! decise di seguire lo sviluppo di questo gioco. Nei vari numeri veniva, infatti, seguito lo sviluppo del gioco su C64. Successivamente, sempre sulla stessa rivista, la Apex Computer Productions, annunciava il porting di Creatures su Atari ST, Amiga e ZX Spectrum e, sebbene la versione Atari ST venne rilasciata nel 1992 e quella Amiga nel 1993, la versione per ZX Spectrum non vide mai la luce.

 

Locandina

Locandina

Locandina Kixx

Locandina Kixx

Trama del Gioco

In una lontana galassia esisteva un pianeta chiamato Blot.  Stanchi di sentirsi deridere per via del loro nome, i Blotians, decidono di chiamarsi Fuzzy. Spinti dalla voglia di cambiar vita, i  Fuzzy, decidono di cambiare anche la propria casa. Così si avventurarono, a bordo della loro nave, alla ricerca di un nuovo pianeta abitabile. La spedizione, però, finì molto presto a causa di un asteroide che, oltre a danneggiare la nave, li costrinse ad atterrare su un pianeta sconosciuto. Sfortunatamente, il pianeta, era abitato da diverse creature che rapirono i Fuzzy e iniziarono a torturarli tutti eccetto Clyde Radcliff che, dopo essersi salvato, avrà il compito di recuperarli e portarli in salvo.

 

SAM

Help

Caratteristiche del Gioco

Nonostante il gioco appartenga al genere Platform, molti, anche la critica, amano definirlo un Action Platform e, Creatures, è pioniere nel suo genere. Sebbene gli elementi grafici e lo stile di gioco siano comuni a tutti gli altri, Creatures, introduce degli elementi nuovi. Basta pensare alla possibilità di scegliere il tipo di colpo da usare per abbattere i nemici in base alla loro posizione o, ancora, alla loro resistenza. Come sapete, i joystick del Commodore 64, erano dotati di un solo pulsante. Questo limite hardware rendeva necessario uno stratagemma software per sopperire  a tale mancanza. Ed per questo motivo che, spostando la cloche in basso e premendo il pulsante di fuoco, si aveva la possibilità di scegliere tra diversi tipi di colpi come, ad esempio, direzionali verso l’alto o verso il basso. Tenendolo premuto, invece, si dava un colpo potenziato. Questi sono solo alcuni degli elementi caratteristici del gioco.

Creatures - Ingredients

Creatures – Ingredients

Creatures e il Livello Tortura.

Tra le caratteristiche di Creatures una, in particolare, merita una certa attenzione: il Livello Turtura. Ogni 3 livelli, infatti, la schermata di gioco, prima scorrevole (a scrolling orizzontale) si trasforma in un livello a  singola schermata. In questo schema particolare assisterete ad una vera tortura che vede coinvolto un Fuzzy. Il vostro compito è quello di evitare che ciò avvenga. Per farlo bisognerà risolvere l’enigma (nulla di complicato) nel tempo stabilito, pena, la perdita di una delle preziose vite oltre che il massacro del vostro amato Fuzzy. E’ curioso constatare quanto, il fallimento di questo livello, sia tanto Comico quanto Splatter visto il quantitativo di sangue che, eventualmente, ne conseguirà.

 

Torture

Torture

Proprio su questa tipologia di schema, Creatures 2 ha rilasciato qualche anno dopo il primo e, nonostante a qualcuno sia piaciuto, tanti sono rimasti delusi. Ad ogni modo, il seguito esiste.

L’anagramma nel Nome.

Creatures, in realtà, è un anagramma. E, sebbene sia molto in voga ormai usare questi stratagemmi, specie in ambito  software Open Source (ad esempio: WINE che significa Wine Is Not Emulator), era piuttosto raro all’epoca, specie nei giochi. Tuttavia, gli sviluppatori, decisero di adottarlo e, anche questo, contribuì positivamente affinché, Creatures, facesse parlare di se. Cosa significhi  sarà presto detto anche se, chi conosce già il gioco o, semplicemente, chi è più attento, avrà già intuito guardando le foto delle locandine. Il significato sarà presto svelato:

 

 Clyde Radcliff Exterminates All The Unfiendly, Repulsive Earth-Ridden Slime 

 

Loading

Loading

Grafica e Suoni:

Creatures vanta una grafica ed un sonoro da urlo. Pur non trattandosi di un miracolo, (la macchina era quella, con tutti i suoi pregi e difetti) Creatures, non solo non passa inosservato ma, addirittura, vanta di essere uno dei migliori giochi di sempre dal punto di vista grafico. Segno, questo, che, i fratelli Rowlands, avevano grandi capacità e voglia di portare un prodotto di altissima qualità su una macchina che, già allora, era al termini dei suoi giorni gloriosi. Ciononostante, la versione Commodore 64, rimane la migliore di tutte le versioni proposte.

Porting:

Come annunciato, Creatures, venne portato sulle piattaforme AmigaAtari ST, sebbene fosse anche stata annunciata la versione per ZX Spectrum, questa non fu mai rilasciata, con grande delusione dai possessori del gommoso 8 bit Sinclair. Vediamole insieme.

AMIGA:

La versione Amiga, com’è facile aspettarsi, vanta una grafica di prim’ordine. Sprite definiti, Fondali curati e colori, ovviamente, decisamente più vivi rispetto a quelli del fratello minore. Tuttavia, lo scrolling, così come alcune animazioni, risultano sottodimensionate rispetto al potenziale della macchina; specie se messe a confronto con quelle del Commodore 64. Anche il comparto sonoro sembra essere decisamente  più basso del reale potenziale di Amiga. Le critiche maggiori, in ambito sonoro, riguardano l’interruzione della musica  per sentire i suoni degli spari, delle esplosioni ecc… soluzioni, queste, che certamente non ci si aspetta su un computer del genere.

Amiga 2

Amiga 1

Amiga 1

Torture - Amiga

Torture – Amiga

Amiga 2

Amiga 2

ATARI ST:

Come per Amiga, la versione Atari ST vanta una grafica decisamente più accurata rispetto alla controparte 8 bit e, pur essendo molto vicina a quella della nemica a 16 bit, pecca di un minor numero di colori. Limite certamente legato all’hardware ma che, di fatto, non compromette il bell’aspetto grafico complessivo del gioco. La lentezza nello scrolling orizzontale, però, è ancor più rilevante rispetto alla controparte Amiga. Stesso discorso per quanto riguarda il sonoro con l’unica eccezione che, in questo caso, le musiche, durante il gioco, sono assenti.

 

Atari ST1

Atari ST1

Atari ST2

Atari ST2

Titolo - ATARI

Titolo – ATARI

ZX SPECTRUM:

Come più volte anticipato nel corso di questo articolo, la versione ZX Spectrum non è mai stata rilasciata. Pare che l’azienda abbia deciso di abbandonare il progetto senza dare motivazioni in merito a ciò. Quello che rimane, a parte le promesse e la delusione da parte dei possessori di questa leggendaria macchina, sono le immagini presenti nelle riviste di settore dell’epoca. Noi di CBLOG ve ne presentiamo due.

 

Spectrum 1

ZX Spectrum

ZX Spectrum

ZX Spectrum 2

Parere di Dave:

Creatures è un gioco divertente, bello da vedere, fantastico da ascoltare. Gli sviluppatori si sono impegnati molto per portare un gioco di qualità su di un computer la cui era, secondo molti, era giunta al termine. Ma, come sappiamo, il Commodore 64, dopo circa 40 anni, riesce ancora a sorprenderci e, come avrete capito leggendo l’articolo, riusciva a farlo anche  nel periodo in cui si dava per scontato che le macchine moderne fossero sinonimo di qualità e divertimento. Personalmente ho provato Creatures su Commodore 64 reale. Sulle altre piattaforme, invece, solo con gli emulatori. Ebbene, l’esperienza provata su Commodore 64, non sono sono riuscito a provarla sulle altre due macchine. Ho pensato fosse un problema di emulatore. Così, armato di pazienza, ho provato anche la versione emulata del C64. In quel momento ho compreso che, non era l’emulatore ma il gioco Sul Commodore 64, questo gioco è un capolavoro.

Conclusioni:

Bene ragazzacci, per questa volta abbiamo finito. Se provate il gioco e volete condividere con noi le vostre esperienze e opinioni, commentate e scrivete su tutti i nostri canali social. Se cercate qualcosa di particolare chiedete pure.

Continuate a seguirci per ulteriori articoli.

Stay On Rock

Barbarian, Hack & Slash senza compromessi

IK+ per C64

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PAGE TOP
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: