Power Spikes: Non si smette mai di imparare

E’ vero, sono lontano dalla scena da un bel pò ( ma chi se n’è accorto? Nessuno!), ma questa mia forzata assenza non mi ha impedito di ripercorrere la mia florida gioventù, rigiocando vecchi videogiochi come Power Spikes .

Si torna a scuola!

Ebbene sì, nonostante abbia superato la soglia dei quarant’anni ( ma me li porto bene,garantito), son tornato a “scuola” per rendere più vivace la mia vita.

La Sala Giochi e Mangiafuoco.

Parlando di scuola, ovviamente, il mio pensiero (scontatissimo ma pregno di romanticismo) va a quel periodo: le superiori. 

Frequentavo il primo anno di superiori, le sale giochi le trovavi aperte già prima delle scuole (leggende narrano che ci fossero “squadre” che si alternavano per tenerle aperte) e i videogiochi,quelli come Street Fighter II, sempre occupati. Mentre il gestore , per noi Mangiafuoco, allegramente intascava i soldi delle nostre merende.

Power Spikes e la “Magia” con un solo tasto.

Quindi non mi restava girare alla ricerca di un’alternativa che potesse calmare la mia “sete videoludica”. I miei occhi, allora, si posarono su un cabinato lasciato in un angolo a prendere polvere. Incurante del fatto che Mangiafuoco fosse d’accordo o meno, lo accendo. Era un gioco sportivo, di pallavolo, si chiamava Power Spikes.

Pubblicato da VIdeo System e conosciuto in Giappone come Super Volley ’91 (a loro sono legato a un altro gioco quale F-1 Gran Prix I-II sempre per sala giochi) nel 1991, è  un gioco dedicato al volley semplice e senza troppe , apparentemente, pretese. Questo ci viene facilitato dall’utilizzo di un solo tasto per alzare, schiacciare e murare. Ma la vera Magia sta nelle combinazioni di attacco coordinando il joystick alla ricezione e all’alzata, prendendo il giusto tempo per sferrare la schiacciata vincente. Inevitabile non menzionare le mitiche battute speciali che hanno contraddistinto Power Spikes: la battuta “fulmine” e quella “illusoria” erano una salvezza nei momenti critici.Power Spikes

Graficamente gradevole con animazioni fluide, Power Spikes strizzava l’occhio al volley nostrano, riproducendo volti noti come Andrea “Lucky” Lucchetta ( erano anni d’oro per la pallavolo italiana).

Mangiafuoco vince ancora.

Alla fine Power Spikes ti catturava per la sua semplicità e quelle poche lire che avevi, ti regalavano momenti di puro svago. Una volta finito il gioco (la vecchia U.R.S.S. non era facile da battere) ti ritrovavi a rigiocare per provare o scoprire nuovi schemi, nuovi modi per mettere in difficoltà gli avversari su battuta.

Ti catturava tanto da non renderti conto che la sala giochi si è già svuotata:si è fatta ora di entrare a scuola. Anche oggi hai vinto tu, Mangiafuoco.

Curiosi?

Oggi è possibile giocare a questa piccola (a mio avviso) perla arcade su dispositivi Android seguendo questa semplice GUIDA

 

Pierinolartista

Pierinolartista

Viaggiatore del Tempo, ripercorro tutte le Ere Videoludiche anche attraverso (perché no?) l'emulazione.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Marco ha detto:

    Bell’articolo, complimenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.