Solomon’s Key – Commodore 64

Buongiorno amici di Commodoreblog, oggi rincorriamo chiavi, e più nello specifico la Solomon’s Key!

Solomon’s Key – dall’Arcade al C64

Era il lontano 1986, mese di luglio, io finivo la seconda elemantare e la TECMO produce questo piccolo capolavoro che è Solomon’s Key.

Lo vidi per la prima volta nella sala giochi di mio zio, e fu subito amore e spreco di gettoni per fare si e no un paio di livelli.

Dovetti aspettare due anni e l’acquisto della rivista HIT PARADE n° 20 del Febbraio 1988, nonchè parecchi giri di nastro per arrivare al gioco 14, Colorado Joe!

sfondo-nero-win10-1024x768-1-1280x720_20200627053459658

 

Avevo finalmente a portata di Joystick sul mio fido C64 nientemeno che un favoloso porting di Solomon’s Key!

sfondo-nero-win10-1024x768-1-1280x720_20200627053706078

 

Iniziò così un periodo di perdizione cercando di trasformare ogni singolo masso in gemma.

Un po’ di storia

Solomon’s Key (ソロモンの鍵 Soromon no Kagi) è un videogioco arcade di tipo rompicapo a piattaforme, con protagonista un mago che raccoglie tesori dalle miniere di re Salomone e ha la capacità di creare e cancellare le piattaforme.

Venne pubblicato nel 1986 dalla Tecmo e uscirono poi conversioni per i computer Amstrad CPC, Atari ST, Commodore 64, PC IBM e ZX Spectrum e per le console NES, Famicom Disk System e Sega Master System.

sfondo-nero-win10-1024x768-1-1280x720_20200627054606916

 

La versione per Amiga non è ufficiale e venne realizzata con il reverse engineering nel 2013.

Il gioco in versione emulata uscì per diverse piattaforme più moderne all’interno di raccolte di classici come Tecmo Classic Arcade, Tecmo Hit Parade e la serie Arcade Archive per PlayStation 4.

Solomon’s Key ebbe alcuni seguiti non arcade: Solomon’s Club (1991) per Game Boy, Fire ‘n Ice (1992) per NES, e Monster Rancher Explorer(Solomon: Cox Adventure of the White Tower in Giappone, 2000), un remake per Game Boy Color.

Le musiche sono a cura di Michiharu Hasutani

Uno straordinario gameplay

Solomons Key è uno stupendo, superbo e assuefacente gioco di piattaforme/rompicapo, nel quale un singolo giocatore controlla un mago chiamato “Dana“, la cui missione è recuperare la “chiave di Solomon” e sconfiggere le orde di demoni che si sono introdotte nel mondo.

sfondo-nero-win10-1024x768-1-1280x720_20200627055224371

 

Per farcela, Dana deve avanzare attraverso 48 stanze di “Spazio Costellazione“, prima di raggiungere infine la chiave magica.

Ogni stanza ha una chiave che Dana deve raccogliere.

Fatto ció, si aprirá l’uscita della stanza e il mago deve quindi tentare di trovare e/o creare un percorso sicuro oltre i demoni costantemente ricreati per raggiungere l’uscita e avanzare alla stanza successiva.

Escila la bacchetta!

Per poter fare ció, Dana é equipaggiato con una bacchetta magica che puó essere utilizzata sia per distruggere che per creare blocchi di granito, che potremo utilizzare come piattaforme o come barriere per difenderci dai mostri.

Dana puó rimuovere i blocchi esistenti con la sua bacchetta e puó rimuovere i blocchi che si trovano sopra la sua testa saltando ripetutamente, fino a spaccarli con la capoccia.

In ogni stanza sono sparsi degli oggetti bonus che ci potranno aiutare nella nostra impresa, oltre ad essere nascosti in blocchi di granito.

Ognuno di questi oggetti (sotto forma di gemme e diamanti) fará guadagnare al giocatore dei punti extra.

Possono anche essere trovati e raccolti alcuni potenziamenti sotto forma di pozioni a forma di fiamma blu viola.

Quando vengono utilizzate, Dana sarà capace di sparare una palla di fuoco che inizierá a muoversi lungo i muri e le piattaforme e distruggerá il primo demone con cui verrà a contatto.

Oltre agli oggetti bonus e ai potenziamenti, in ogni livello si può trovare anche una campanella che, una volta raccolta, rilascerà una fata.

La fata volerá impazzita per la stanza e puó essere raccolta per ottenere punti bonus.

Ogni 10 fate salvate, si potrà vincere una vita extra.

La chiave o “clavicola” di Salomone, un riferimento esoterico

Ma che cos’è in realtà la Solomon’s Key?

Nella realtà dei fatti la chiave di Salomone esiste davvero.

La Chiave di Salomone o Clavis Salomonis è un testo di magia (detto anche grimorio o grimoire) indebitamente attribuito al Re Salomone. Non va confuso con la Piccola Chiave di Salomone,un testo successivo.

Esso spiega dettagliatamente quando, come, dove è meglio evocare i 72 principi infernali.

La Piccola Chiave di Salomone o Lemegeton Clavicula Salomonis, è un grimorio anonimo del Seicento e uno dei più famosi libri di demonologia, largamente conosciuto anche come Lemegeton.

Esso contiene dettagliate descrizioni degli spiriti e dei rituali necessari per evocarli e costringerli a eseguire gli ordini del mago (chiamato nel testo “esorcista”). Vengono date istruzioni dettagliate circa i simboli, le procedure rituali da eseguire, le azioni necessarie per impedire che gli spiriti prendano il sopravvento, i preparativi che devono precedere l’evocazione e il modo in cui costruire gli strumenti necessari per l’esecuzione di tali rituali.

I livelli del gioco sono impostati sulle costellazioni dello zodiaco.

Essi sono divisi in gruppi di quattro – per un totale di 48 stanze standard – con ogni gruppo che rappresenta una costellazione differente.

In aggiunta alle stanze standard, ogni costellazione ha anche una stanza bonus segreta cui si puó accedere solo trovando il “sigillo” di detta costellazione, che si trova nell’ultima stanza di ogni gruppo.

sfondo-nero-win10-1024x768-1-1280x720_20200627054814915

 

Ci sono tre ulteriori stanze segrete, “The Page of Time” (la pagina del tempo), “The Page of Space” (la pagina dello spazio) e la “Princess Room” (stanza della principessa) accessibili solo nel caso in cui il giocatore riesca a trovare i “sigilli nascosti di Solomon“.

I gruppi da 4 stanze sono :

  • 1 – 4 Ariete;

  • 5 – 8 Toro;

  • 9 – 12 Gemelli;

  • 13 – 16 Cancro;

  • 17 – 20 Leone;

  • 21 – 24 Scorpione;

  • 25 – 28 Bilancia;

  • 29 – 32 Vergine;

  • 33 – 36 Sagittario;

  • 37 – 40 Capricorno;

  • 41 – 44 Acquario;

  • 45 – 48 Pesci.

Qualche sporco trucco (ma nemmeno troppo sporco…)

Come trovare le Stanze Segrete: colpisci la chiave con la bacchetta per far cambiare il suo colore…

  • 3-3: Chiave rossa -> Stanza 4-1 (normale), Chiave blu -> Stanza 3-4 (stanza segreta)
  • 5-6: Chiave rossa -> Stanza 6-1 (normale), Chiave blu -> Stanza 5-7 (stanza segreta)
  • 6-6: Chiave rossa -> Stanza 7-1 (normale), Chiave blu -> Stanza 6-7 (stanza segreta)
  • 7-2: Chiave verde -> Stanza 7-4 (normale), Chiave blu -> Stanza 7-3 (stanza segreta)
  • 8-6: Chiave rossa -> Stanza 9-1 (normale), Chiave blu -> 8-7 (stanza segreta)
  • 9-6: Chiave rossa -> Stanza 10-2 (normale), Chiave blu -> Stanza 9-7 (stanza segreta)

La conversione per C64

Voglio spendere qualche parola in favore della conversione per C64 ovvero il momento che tutti aspettavamo.

sfondo-nero-win10-1024x768-1-1280x720_20200627054304794

 

Innanzitutto la prima grossa “anomalia” se così vogliamo chiamarla, consiste nella varianza del numero di stanze, ovvero da 48 della versione arcade a 20 nella versione biscottone.

Non sono in grado di dire se i ragazzi della U.S. Gold – Probe abbiano preso solo i primi 20 livelli di seguito o se abbiano fatto una selezione di livelli per mantenere la scelta “zodiacale” della suddivisione dei livelli, posso sicuramente confermare che i primi 7 livelli sono perfettamente rispondenti all’arcade.

Questo ammesso e non concesso che uno fosse così bravo nell’arcade… io che ero e sono ancora adesso una pippa allora non me ne accorsi assolutamente e non ha tolto verve al gioco poichè rimane comunque un gioco di una certa difficoltà.

Una sostanziale differenza tra la versione arcade e la versione C64 è nella dimensione dello schermo.

Mentre nella versione arcade, lo schermo si può misurare in 12 blocchi di roccia verticali per 15 blocchi di roccia orizzontali, nella versione Commodore 64 invece si misura in 11 blocchi di roccia per 14, piccolo escamotage che comunque non ha tolto assolutamente nulla alla conversione.

Ci troviamo in mano una conversione assolutamente all’altezza del titolo originale che oltretutto a mio modesto parere risulta divertente e longeva tanto da guadagnarsi un bell’ 86 % su Zzap! che non è un voto da poco!

sfondo-nero-win10-1024x768-1-1280x720_20200627053338940

 

Il gioco sulle riviste ha assunto diversi nomi fantasiosi, come Colorado Joe, Aegyptian’s catacomb, Le prigioni di Davide, Golden key, Master key e Mytical combat, comparendo sulle più disparate riviste come Hit Parade 64, Special Program, Logica 2000, Special Game e Mega Games.

Viene solo da dire giu di download con la rom e via su Vice a giocare!

L’angolo dell’Anziano!!! E’ qui!

Lets’rock! 😈 

In conclusione come sempre vi consiglio qualche nostra buona lettura:

Sky: Cambia lo Standard. A rischio anche il satellite?

“The isle of the cursed prophet” per C64

Project X per Amiga

Christian Miglio

Christian Miglio

Christian Miglio detto L'Anziano, tecnico per le telecomunicazioni, appassionato di retrogame e degli anni 80 in maniera viscerale, collezionista di retrocomputer, giocattoli e videogame. Amante del Commodore 64 che possiede tuttora funzionante!

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: