Game Boy: L’handheld per eccellenza!

 365 total views,  2 views today

Ben ritrovati amici, oggi il vostro Dave, vi porterà a fare un altro viaggio a ritroso nel tempo alla scoperta del famigerato Game Boy. Preparatevi a vivere mille emozioni nel fantastico mondo dot matrix monocromatico. Allacciate le cinture, prendete qualcosa da bere e da sgranocchiare, il viaggio ha inizio.

 

"Nintendo

Nintendo Game Boy

Tutto ha inizio…

Correva l’anno 1989 quando alla Nintendo, Gunpei Yokoi, già autore dell’amatissima linea di console tascabili denominati  Game & Watch, lanciò in Giappone il loro successore, appunto il Game Boy. Per l’esattezza era il 21 Aprile del 1989, ovvero, 11 anni dopo la nascita di un mito, Il sottoscritto. I prodotti Game & Watch vendevano bene ma, il loro limite, cominciava a palesarsi sempre di più ed era necessaria un’azione  che, partendo da quel progetto, portasse delle novità rilevanti. Nel corso degli anni, molti altri produttori, infatti, cominciarono a produrre e commercializzare diversi prodotti analoghi al  Game & Watch, in primis, Tigers che, grazie a delle licenze, poteva contare su titoli che, nelle sale, stavano spopolando. Fu in quel momento che, il Game Boy, riuscì a spezzare diverse lance a proprio favore. Hardware nuovo, giochi intercambiabili, audio stereo e portabilità, gli ingredienti necessari affinché, il Game Boy, dominasse il mercato.

Game & Watch

Parachute – Game & Watch

Specifiche Tecniche:

Come dicevamo prima, per contrastare la concorrenza sugli LCD Games, era necessario spingersi oltre i limiti delle console portatili old gen animati da un processore 4 bit, un suono mono tipo buzz e, grafica pressoché inesistente dal momento che, la tecnologia usata, era la stessa impiegata per le calcolatrici e gli orologi digitali. C’era bisogno d’innovazione e, Gunpei Yokoi, già autore della croce direzionale, aveva le idee molto chiare. Così, dopo vari esperimenti, tutto era pronto e, il Game Boy, grazie alle sue caratteristiche tecniche, avrebbe scalato la vetta del mercato delle console portatili. Vediamole Insieme.

 

Processore: Sharp LR35902 – Derivato dallo Z80 di Zilog
Memoria: 8 KByte S-RAM
Suono: 4 Canali Stereo (generatore integrato nel proc.)  Uscita Cuffie Stereo
Formato Sopporto: Cartucce da 256, 512 KB 1,2, 4 e 8 MB ROM
Schermo: LCD (Dot Matrix) 160×144 Pixel
Memoria Video: 8 KByte
Colori: 4 tonalità di grigio/verde
Alimentazione: 4 pile stilo AA o via Jack  AC Adaptor 5V CC
Connettività: Fino a 4 Game Boy con Cavo Multi Link

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con questo hardware, dunque, Nintendo si preparava ad sfidare la concorrenza nella speranza che, il suo prodotto, riuscisse a continuare il successo che, fino ad allora, aveva mantenuto con i suoi G&W. Solo il tempo avrebbe potuto darle torto o ragione. Tutto era pronto adesso, però, Bisognava dare dei giochi al Game Boy perché, volente o nolente, senza giochi rilevanti, la guerra, sarebbe stata persa in partenza.

L’attacco di ATARI…

Se Nintendo, con l’uscita del suo Game Boy, cercava di ritagliarsi un mercato per il prossimo futuro, SEGA e ATARI non rimasero a guardare. A pochi mesi dal lancio del Game Boy infatti, ATARI annuncia l’uscita del suo grandissimo (e non solo a parole)  LYNX. Una console di tutto rispetto con schermo a colori, processore 8 bit e coprocessore matematico a 16 bit, gestione di scrolling, zoom e sprite in  hardware, capacità 3D e di rete fino a 16 giocatori,  tra le sue caratteristiche più importanti. Potendo contare su diverse licenze oltre che sui titoli della casa madre, ATARI rappresentava una vera minaccia per il neonato Game Boy. Tuttavia, la scarsa durata delle (6) pile, il peso, la scarsità di giochi disponibili e le dimensioni esorbitanti anche nella sua nuova versione, resero la vita semplice a Nintendo che, di li a poco, avrebbe dovuto temere un altro storico, concorrente: SEGA.

Atari Linx

Atari Linx

 

Atari Linx II (1991)

Atari Linx 2 (1991)

La Risposta di SEGA

Nell’ottobre del 1990, SEGA, lancia sul mercato Giapponese il Game Gear. La console, forte del successo riscosso dal Game Boy, immette sul mercato un alternativa, a sua detta, superiore alla controparte Nintendo. Tra le caratteristiche principali della console portatile c’erano: Schermo retroilluminato a Colori, Audio Stereo, possibilità di giocare il software del Sega Master System mediante l’utilizzo di una particolare caruccia e la possibilità di usare la console come TV a colori grazie al TV Tuner. Oltre a questo, c’erano diversi giochi di esclusiva SEGA che, certamente, avrebbero contribuito a far vendere milioni di console. Tuttavia, come accadde al LINX, anche il Game Gear soffriva molti dei problemi della controparte ATARI. Nonostante alcuni giochi fossero dei piccoli capolavori, Sonic 1&2, Street Of Rage, Outrun, Shinobi 2, Ristar ecc, la scarsa durata le pile, le dimensioni ed il costo proibitivo della console, resero il gioiellino SEGA davvero proibitivo e poco pratico da trasportare.

 

SEGA Game Gear

SEGA Game Gear

 

Divertimento Monocromatico…

L’elenco di giochi per Game Boy è veramente lungo… oltre 1500 titoli. Questo basterebbe a rispondere a chi pensava di annientarlo introducendo sul mercato prodotti alternativi. Potrei citare diversi giochi che ho amato su questa piattaforma. Primo fra tutti Tetris che, essendo fornito insieme alla console, quasi tutti hanno avuto. Scriverò molti nomi adesso, senza seguire l’ordine di gradimento, tanti altri, ahimè, li salterò ma non perché non siano altrettanto validi:

Tetris, Gargoyle’s Quest, Super Mario Land (SAGA), Castelvania (SAGA), Donkey Kong Land (SAGA), Choplifter 2, Turtles (SAGA), Pokemon (SAGA), Killer Instinct, Mortal Kombat, Mega Man, Bomberman, Final Fantasy, Metroid, Zelda ecc….

 

Gargoyle's Quest

Gargoyle’s Quest

Super Mario Land

Super Mario Land

Turtles

Turtles

Mortal Kombat

Mortal Kombat

Tetris

Tetris

Pokemon Rosso

Pokemon Rosso

 

 

Conclusioni

Chi non ha avuto un Game Boy, certamente, non ha idea di come ci si possa divertire con un gioco monocromatico. Nell’era moderna, addirittura, ci si potrebbe chiedere come lo si faccia con grafica 2D e/o Sprite. Chi invece è cresciuto ed ha vissuto l’evoluzione tecnologia e videoludica dello scorso ventennio, fatica a comprendere l’incomprensione odierna. Tuttavia, negli ultimi tempi, l’interesse verso il Retrogaming è aumentato considerevolmente. La nascita di mini retro-console e il digital store che offre giochi retrò acquistabili digitalmente, la dice lunga su quanto, questo mercato o interesse sia vivo. Ma noi che siamo cresciuti con questa roba, possiamo dirlo col cuore in mano. Il Game Boy ha divertito (e continua a farlo) intere generazioni di ragazzi e non.

Per oggi è tutto, Dave vi saluta e  vi invita a seguirci su tutti i canali social e, qualora ne avreste voglia, di suggerirci qualche articolo o recensione specifica.

Ci si vede al prossimo articolo.

Stay on ROCK!!!

Where is my body? Nuovo gioco per Game Boy

Nintendo Game Boy Cartridge – Manutenzione

 

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PAGE TOP
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: